-->

lunedì 21 novembre 2016

Curriculum Vitae dell'avv. Fabio Massimo Nicosia.

1) GENERALITA’.

·       Nato a Milano il 20 agosto 1958.  Maturità classica. Laureato in Giurisprudenza in data 23 ottobre 1981 con la votazione di 110/110. Tesi di Laurea in Diritto Costituzionale, “I rapporti tra legislativo ed esecutivo nel sistema delle regioni ordinarie”, relatore Prof. Serio Galeotti, correlatore Aldo Bardusco.

·       Tra il 1982 e il 1983 Bersagliere presso il Battaglione di Orcenico Superiore di Zoppola (PN).

·       Nel 1982, primo classificato in un pubblico concorso per laureati in giurisprudenza bandito dall’Automobile Club d’Italia. 

·       Nel 1986, primo classificato tra i concorrenti esterni (secondo assoluto) in un pubblico concorso, bandito dalla Provincia di Milano per la qualifica di Funzionario Amministrativo (8’ livello funzionale, laureati professionali).

·       Iscritto all’Albo dei Procuratori Legali di Milano dal 1985.  Iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano dal 1991 (decorrenza 1985). Ammesso al patrocinio in Cassazione e nelle altre Giurisdizioni superiori dal 2000.

·       Nell’esame di abilitazione all’esercizio della professione di Procuratore Legale ha riportato la media del “7” in tutte le materie e, in particolare, la votazione di “8” nel tema di Diritto Civile e Amministrativo, avente per oggetto i contratti della Pubblica Amministrazione.

·       Esercita effettivamente la professione forense dal 1987, nell’ambito del diritto amministrativo e costituzionale: questioni istituzionali, urbanistica, edilizia, contratti (opere, servizi e forniture) delle pubbliche amministrazioni (anche in veste di arbitro), ambiente (energia nucleare, smaltimento rifiuti, discariche, etc.), sanità, autorizzazioni, concessioni, provvedimenti conformativi dell’esercizio delle attività produttive, giudizi elettorali, questioni referendarie, radiotelevisive, telecomunicazioni, antitrust, etc..

·       Dal 1985 al 1989 primo collaboratore professionale dell’Avv. Prof. Guido Greco, professore ordinario di Diritto Amministrativo nell’Università di Milano. Dal 1989 operante in proprio e in collaborazione con vari studi qualificati..

·       Svolge dal 1985 attività di ricerca e di studio nel campo del diritto amministrativo e della teoria generale del diritto e della politica; vanta numerose pubblicazioni  (cfr. punto 3).

·       Nel 1998, ammesso agli orali del concorso nazionale alla cattedra di professore associato di diritto amministrativo.

·       Nel 2001, socio, con la qualifica di “Principal”, dello Studio di Consulenza Legale e Tributaria “AndersenLegal”, nella cui veste ha affrontato soprattutto questioni relative all’indizione e gestione di gare di rilevanza continentale.

·       Dal 2012 consulente dell’”Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica” e del gruppo consiliare Radicale – Federalista Europeo presso il Comune di Milano;

·       Consulente del Consolato Generale della Repubblica Ellenica di Milano con riferimento alla questione dell’iscrizione nel bilancio dello Stato del valore economico del demanio;

·       Fondatore e Ministro della Chiesa Nikeista;

·       Presidente dell'Associazione Diritto & Mercato, titolare del patrocinio gratuito del Comune di Partinico (PA) al progetto “Frank Zappa, musicista definitivo”;

·       Già Membro del Comitato Nazionale di Radicali Italiani;

·       Già Membro del gruppo di elaborazione del programma economico del Movimento Roosevelt;

·       Già Membro della Giunta di Segreteria di Ecoradicali;

·       Già Promotore di eventi culturali dell'Associazione Radicali Milano Enzo Tortora;

·       Blogger di www.radicalianarchici.it;

·       Amministratore di “Frank Zappa Serious Club”

·       Svolge un’intensa attività di discussione sui social networks, Facebook in particolare, e su siti internet in materia di diritto, politica e filosofia politica;



*****

2) INCARICHI PROFESSIONALI DI MAGGIORE RILIEVO PUBBLICO.


a) Difensore (unico) di “Referendum TV - Comitato per il No” nella vicenda, favorevolmente conclusasi innanzi al T.A.R. Lombardia, avente per oggetto il provvedimento sanzionatorio del “Garante per la radiodiffusione e l’editoria” adottato nei confronti delle Reti Fininvest a seguito della trasmissione di spots autopromozionali ;

b) Difensore dei comitati promotori dei “referendum” elettorali (Comitati “Segni”, “Giannini” e “Radicali per i referendum”) nella vittoriosa controversia del 1991 contro il Comune di Milano per l’utilizzo del centro cittadino (P.zza del Duomo) per la raccolta delle sottoscrizioni;

c) Difensore degli onn. Tiziana Maiolo, Tiziana Parenti e Vittorio Sgarbi nella controversia avente per oggetto la “censura” del C.S.M.. nei confronti delle critiche rivolte alle sentenze di condanna nei casi “Mancini” e “Contrada” ;

d) Difensore del Coordinamento Radicale Antiproibizionista (CO.R.A.), segretario on. Marco Taradash, nel giudizio innanzi al T.A.R. Lombardia, favorevolmente conclusosi in sede cautelare, avente per oggetto il decreto c.d. “De Lorenzo” sulla somministrazione dei c.d. farmaci sostitutivi (metadone);

e) Difensore dell’on. Tiziana Maiolo nel ricorso innanzi al T.A.R. Lombardia, relativa all’esclusione della sua lista elettorale “Antiproibizionismo, ecologia e libertà” alle elezioni comunali milanesi del 1992, esito positivo;

f) Difensore nella causa Pillitteri/Formentini innanzi al T.A.R., avente per oggetto le elezioni comunali di Milano del 1992, esito negativo.

e) Già consulente e Legale dell’Associazione Piccole e Medie Industrie di Milano (APIMILANO) ;

f) Già consulente del Gruppo Consiliare Antiproibizionista alla Regione Lombardia in materia di riforme istituzionali e di predisposizione di progetti di riforma legislativa: proposta di modifica dello statuto regionale, progetto di legge sulle nomine negli enti a partecipazione regionale, etc.

g) Dal 1990, a seguito del l’entrata in vigore della c.d. legge “Mammì” in materia radio televisiva ha affrontato le connesse questioni di diritto amministrativo in veste di consulente e di difensore dell’associazione RADIO (già RETI) NAZIONALI ASSOCIATE e di diverse emittenti locali, nonché le principali nazionali;

h) Dal 1998 a tutt’oggi, Presidente e legale rappresentante dell’Associazione di cultura libertaria e per la difesa dei diritti del cittadino e del consumatore “Diritto e Mercato”;

i) Nel 2001, Accreditato “AndersenLegal” presso CONSIP per la supervisione dei profili giuridici delle procedure di gara per l’affidamento di forniture e servizi delle Amministrazioni dello Stato.

l) Dal 2003 consulente e patrocinatore della società produttrice di microprocessori per computer AMD per i rapporti con la Pubblica Amministrazione, con particolare riferimento alle discriminazioni negli appalti di forniture per indebita indicazione di brevetti nei bandi di gara;

m) Difensore di “Italia Nostra” nella questione “Grandi Stazioni”;

n) Dal 2012 consulente dell’”Associazione Luca Coscioni”;

o) Dal 2012 consulente e difensore del Gruppo Radicale Federalista Europeo e del Presidente della Commissione Trasparenza al Consiglio Comunale di Milano;

p) Consulente di “Radicali Italiani”,


3) PUBBLICAZIONI.

a) MONOGRAFIE:


- Diritto Amministrativo:

1) “Potere ed eccesso di potere nell’attività amministrativa non discrezionale”, pp. 188, Jovene, 1991;

2) “Interesse legittimo e tutela giurisdizionale”, pp. 376, Jovene, 1991.

3) “’Diritti’ e interessi: schemi normativi di tutela e sacrificio, 1991, pubblicato ai sensi di legge;

I tre volumi sono anche raccolti con il titolo “Potere pubblico e interessi privati tra vincoli dell’amministrazione e tutela giurisdizionale, pubblicato ai sensi di legge e presente in varie biblioteche;

4) “Il procedimento amministrativo” (commento alla legge n. 241/1990), pp. 253, Jovene, 1992

- Filosofia del diritto:

1)La disobbedienza incivile – Critica libertaria del diritto, circolazione privata, 1995.

2) Il sovrano occulto - Lo Stato di diritto tra governo dell’uomo e governo della legge, Franco Angeli, 2000.

3) Beati possidentes, Liberilibri, 2004.

- Filosofia della politica

1) Il diritto di essere liberi, Facco, 1997, che raccoglie i saggi 10, 13, 14, 16 e 17.

2) Il dittatore libertario . Anarchia analitica tra comunismo di mercato, rendita di esistenza e sovranity share, Giappichelli, 2011

(seconda edizione riveduta 2013 in formato e-book presso www.deferrari.it )

3) Il legislatore originario – quaderni inediti 1996-1998 www.deferrari.it

 - Storia dei partiti e delle dottrine politiche:

1)       Piselli libertari. Le matrici del Psli di Saragat, Ornitorinco, 2016.

- Epistemologia:

1) L’automa edonista, il sadduceo sussiegoso e l’ingenuo libertino, inedito, 2015.

- Romanzi:

1) Chi ha gambizzato lo zio Gerry? Corpo e anima nell’era pre-calciopoli, edito come Kindle Amazon con lo pseudonimo di Otto Mason;

2) Fiaba, circolazione privata, con lo pseudonimo di Antifonte Sessantotto.

b) SAGGI e articoli di maggior rilievo.


1.     “Sui rapporti tra strumenti urbanistico di rango diverso”, in “Rivista Giuridica di Urbanistica”, 1985;

2.     “Conferme e precisazioni in materia di mutamento della destinazione d’uso degli’immobili”, in “Riv. Giur. Urb.”, 1987;

3.     L’iscrizione alnuovo’ albo artigiano: natura giuridica, ricorsi e impugnazioni”, in “Foro Amministrativo”, 1988;

4.     “‘Silenzio-diniego’ sulla domanda di concessione edilizia in sanatoria e tutela giurisdizionale, in “Foro Amministrativo”, 1989;

5.     ”Offerte anomale: disciplina nazionale e comunitaria”, in “Rivista Trimestrale degli Appalti”, 1990.
6.     Il diritto penale: un diritto “irrazionale”: Relazione al convegno Abolire il carcere: un’utopia concreta, Milano, 4 aprile 1995, pubblicata nei relativi atti.

7.     “Oggetto e limiti del sindacato penale sull’azione amministrativa”, Relazione all’incontro di studi del C.S.M. “Sindacato del giudice penale e attività della pubblica amministrazione”, Frascati, 21-23 marzo 1996, uscita prevista nei ”Quaderni del C.S.M.”.

8.     “E’ il ‘Comitato per il NO’ un ‘Potere dello Stato’ ? Sull’efficacia del referendum abrogativo ‘di rigetto’”, in “Nuove Autonomie”, 1996.

9.     “Libertari in Italia : non solo Re nudo”, in “Ideazione”, settembre-ottobre 1996.

10. “David Friedman, realista giuridico libertario”, post-fazione a D. Friedman, L’ingranaggio della libertà, Liberilibri, Macerata, 1997.

11. “ ‘Giusnaturalisti’ e ‘utilitaristi’ nel libertarianism contemporaneo: un contrasto insolubile ?”, in Materiali per una storia della cultura giuridica, n. 1, 1997.

12. “Intervento” in un dibattito a più voci su Bruno Leoni, in Il Politico, 1997.

13. “ ‘Società Giusta’ e Libertarismo Proprietario. (Riflessioni in margine a Van Parijs)”, in Studi Perugini, n. 2, 1997.

14. “‘Libertà liberali’ e “secessione individuale” : verso la privatizzazione dello Stato”, in Ideazione, 1997.

15. Murray N. Rothbard, ‘legalista anarchico’, in Diritto e Cultura, 1997.


16.  L’Anarco-capitalismo come ordinamento giuridico, in Il diritto di essere liberi, cit.


17. “Bruno Leoni e i suoi nemici. La Filosofia del Diritto in una società aperta”, in Federalismo e Libertà, n. 2, 1998.

18. “L’opinione di un libertarian in A - Rivista Anarchica, ottobre 1999,  numero 257,.

19. L’anarchismo giuridico di Bruno Leoni”, in Materiali per una storia della cultura giuridica¸ n. 2, 2000.

20. “’Modello Consip’ tra Stato e mercato”, in Rivista italiana di diritto pubblico comunitario, n. 4 2002

21. “Belle pretese e critica del diritto”, in  Ragion Pratica, 2006

22. L’interesse legittimo come pretesa a una quota del bene comune in regime di scarsità, in Materiali per una storia della cultura giuridica, 2012

23. Coautore del “Manifesto per un anarchismo analitico”, Fondazione De Ferrari, 2013

24. Il Locke conteso – I diritti di proprietà tra libertarians e left-libertarians, in Rivista di Politica, 2013

25. Il “comunismo libertario” di Luigi Galleani, in A – Rivista Anarchica, aprile 2014

26. Il nuovo manifesto radicale, in www.radicalianarchici.it, 2014

27. L’interesse individuale allo stato sociale in www.radicalianarchici.it, 2014

28. Frank Zappa, musicista del molteplice, in www.radicalianarchici.it, 2014

30. L’idiocrazia, in www.radicalianarchici.it, 2015

31. Beni demaniali, rendita di esistenza e groundstandard, in www.radicalianarchici.it, 2015

32. Il Movimento 5 Stelle tra destra e sinistra, in www.radicalianarchici.it

33. La natura giuridica dello Stato, oggi, in www.radicalianarchici.it, 2015

34. Antistalisti e di sinistra, in www.radicalianarchici.it., 2015

35. La storia come lotta di potere. Inattualità di Marx,  in www.radicalianarchici.it., 2015

36 Qualche spunto sull’illegalismo nonviolento, in www.radicalianarchici.it, 2015

37) Economia, Stato, Anarchia, in www.radicalianarchici.it, 2015

38 Questione greca e monopolio finanziario, in www.radicalianarchici.it, 2015

39 Valore-lavoro, costo come limite del prezzo, concorrenza e proprietà calata nel mercato, in www.radicalianarchici.it., 2015

40) Il “diritto soggettivo” come privilegio tra concessione e autorizzazione, in www.radicalianarchici.it, 2015

41)  Gli anarchici devono essere liberisti?, A – Rivista Anarchica, ottobre 2015.

42) Se anche il fascismo fosse per l’estinzione dello Stato (la transizione al comunismo), in  www.radicalianarchici.it, 2015.

43) Market-communism: humour version, in www.radicalianarchici.it, 2015

44) Beni demaniali, beni immateriali dello Stato, rendita di esistenza e groundstandard, in www.radicalianarchici.it, 2015;

45) Dalla rendita di esistenza all’utile universale, in www.radicalianarchici.it, 2016;

46) Lo Stato si privatizza per essere efficiente, ma i cittadini disdicono il contratto e si estingue, in www.radicalianarchici.it, 2016;

47) Le multinazionali vivono di Stato, in www.radicalianarchici.it, 2016;

48) La teoria anarchica della moneta di Friedrich von Hayek, in www.radicalianarchici.it, 2015.

49) La classificazione dei beni in 15 mosse, in www.radicalianarchici.it., 2016;

50) I tredici fondamenti dell’utile universale, in www.radicalianarchici.it, 2016;

51) Appunto, contro le tasse; in www.radicalianarchici.it, 2015;

52) La realizzazione pubblica delle grandi infrastrutture in regime di virtualità monetaria, in www.radicalianarchici.it, 2016.

53) La moneta come istituto giuridico, in www.radicalianarchici.it, 2016.

54) Monopolio, comunismo concorrenza e scelta indivisibile, in www.radicalianarchici.it, 2016.

55) Una contabilizzazione ci salverà, in www.radicalianarchici.it, 2016.

56) Facebook come tendenziale monopolio naturale di diritto, in www.radicalianarchici.it, 2016.


57) La misurazione della libertà tra indennizzo, coercizione sistemica e spazio comune, 2015, respinto da Materiali per una storia della cultura giuridica, cfr. supra 22, 19 e 11, in www.radicalianarchici.it, 2016.

58) La centralità del diritto: Lo Standard nel Caos, 2015, in www.radicalianarchici.it, 2016

59) Caduta tendenziale del saggio di profitto, presa nel mucchio, profitto universale, profitto individuale, in www.radicalianarchici.it. 2016;


61) I diritti umani come capitale umano, in www.radicalianarchici.it, 2016.

62) Dallo Stato ai Common Trust – Introduzione, in www.radicalianarchici.it, 2016.

 Ha in corso la predisposizione di due volumi sulla natura giuridica dello Stato e l’ipotesi del suo superamento, raccolti con il titolo provvisorio Dallo Stato ai Common Trust.


*****

4) ELENCO, NON AGGIORNATO, DI CITAZIONI DI LAVORI DI FABIO MASSIMO NICOSIA IN ARTICOLI E MONOGRAFIE.



1.     CASTORINA, Considerazioni sui profili costituzionali dei limiti di partecipazione al procedimento amministrativo in Dir. Proc. Amm., 1, 1994, pag. 77 nota 12;

2.     CODINI-FOSSATI, Il mutamento di destinazione d’uso degli immobili, Pirola, 1995, pag. 61 par. 1.2  (comm.);

3.     CORSO, voce Validità (dir. amm.), in Enc. del Diritto, XLVI, Giuffrè ed., Milano, 1993, pag. 92 nota 31, pag. 95 nota 49 (comm.), pag. 108;

4.     DI GASPARE, Il potere nel diritto pubblico, Cedam, Padova, 1992, pag. 425 nota 182 (comm.);

5.     FERRARA, Diritti soggettivi ad accertamento amministrativo, Cedam, Padova, 1996, 3-53 (comm.), 196 (comm.), 208-209 (comm.) e 318 (comm.)* ;

6.     GARDINI, La comunicazione degli atti amministrativi. Uno studio alla luce della legge 7 agosto 1990 n. 241, Giuffrè ed., Milano, 1996, pag. 65 nota 21 (cit. e comm.), pag. 106 nota 19 (comm.), pag. 11 nota 30 (comm.), pag. 182 nota 19 (cit. e comm.), pag. 234 nota 85 (comm.), pagg. 259-260 nota 5 (comm.);

7.     MANGANARO, Principio di buona fede e attività delle amministrazioni pubbliche, Ed. Scientifiche Italiane, Napoli, 1995, pag. 130 nota 45 (comm.), pag. 163 nota 143;

8.     MONTANARO, Giustizia Amministrativa, in Dir. Proc. Amm., 4, 1993, pag. 749 nota 19 (comm.);

9.     MORBIDELLI, Il procedimento amministrativo, in Diritto Amministrativo, a cura di Mazzarolli, Pericu, A. Romano, Roversi Monaco, Scoca, vol. II, Monduzzi ed., Bologna, 1993, pag. 1020 par. 8 (comm.), pag. 1037 nota 25, pag. 1041 par. 7, pag. 1091 nota 13 (comm.), pag. 1110 par. 3-7, pag. 1138 nota 40 (comm.), pag. 1145 nota 57 (comm.);

10. PERONGINI, La formula “ora per allora” nel diritto pubblico, Ed. Scientifiche Italiane, Napoli, 1995, pag. 32 nota 35, pag. 90 nota 119 (comm.), pag. 100 nota 141, pagg. 101-102 nota 142;

11. SCOCA-D’ORSOGNA, Silenzio, clamori di novità, in Dir. Proc. Amm., 3, 1995, pag. 393  nota 1, pagg. 399-400  nota 9 (comm.), pag. 411 nota 25 (comm.), pag. 440 nota 76 (cit. e comm.);

12. SCOCA, La teoria del provvedimento dalla sua formulazione alla legge sul procedimento, in Dir. Amm., 1, 1995, pag. 27 nota 62 (cit. e comm.), pag. 45 nota 98 (comm.) e IDEM, Le trasformazioni del diritto amministrativo, Scritti degli allievi per gli ottanta anni di M.S. Giannini, Giuffrè ed., Milano, 1995, pag. 281 nota 62 (cit. e comm.);

13. SENSALE, Il silenzio della pubblica amministrazione nel diritto urbanistico, Cedam, Padova, 1991, pag. 9 nota 15 (comm.), pag. 33 nota 6 (comm.), pag. 86 nota 10 (comm.);

14. TORCHIA, Il controllo pubblico della finanza privata, Cedam, Padova, 1992, pag. 494 nota 142  (comm.);

15. VILLATA, Orientamenti recenti della giurisprudenza in tema di giudizio di ottemperanza, in Dir. Proc. Amm., 1993, pag. 191 nota 2, pagg. 194-195 nota 12, pag. 198 nota 23 (comm.), pag. 200 nota 27 (comm.);

16. ZITO, L’integrazione in giudizio della motivazione del provvedimento: una questione ancora aperta, in Dir. Proc. Amm., 3, 1994, pag. 594 note 40 e 41 (cit. e comm.), pag. 595 note 42 e 43 (cit. e comm.);

17. ZITO, Le pretese partecipative del privato nel procedimento amministrativo, Giuffrè ed., Milano, 1996, pag. 1 nota 1, pagg. 8-9 nota 18 (cit. e comm.), pag. 40 nota 93 (comm.), pag. 144 nota 39.

18) BARBERIS, L’evoluzione nel diritto, Giappichelli ed., Torino, 1998, pag. 52 nota 113 (comm.) e pag. 57 n. 129 (comm.).

19) CANDELA, Economia, Stato, Anarchia, Eleuthera, Milano, 2014, pag. 217 (comm.) e pag. 298.

20) Il saggio “Modello Consip” è menzionato praticamente in tutti i lavori in materia di appalti pubblici usciti successivamente. Modello Consip è divenuta dizione comune, fino a costituire il titolo di un libro a sé.

N.B. : “comm.”= la citazione di lavori di Nicosia è accompagnata da un commento;
           “cit.”= sono citati passi testuali di lavori di Nicosia.
*Il testo del Ferrara dedica pressoché interamente il suo primo capitolo alle tesi espresse da Nicosia nel volume Potere ed eccesso di potere nell’attività amministrativa non discrezionale.

Lavori di Nicosia sono citati nel Trattato di Diritto Amministrativo di Sabino Cassese.


Il sovrano occulto è stato recensito in Rivista Internazionale di Filosofia del Diritto
Beati Possidentes è stato recensito in Quaderni Radicali e  in  Ragion Pratica
Il dittatore libertario è stato recensito in Fogli di via e da numerosi siti internet e commentato nel citato testo di Guido Candela.


5 commenti:

  1. Un curriculum di tutto rispetto. Complimenti

    RispondiElimina
  2. Nulla è più anarchico del potere, il potere fa praticamente ciò che vuole. E ciò che il potere vuole è completamente arbitrario o dettato da sua necessità di carattere economico, che sfugge alle logiche razionali. Io detesto soprattutto il potere di oggi. Ognuno odia il potere che subisce, quindi odio con particolare veemenza il potere di questi giorni. È un potere che manipola i corpi in un modo orribile, che non ha niente da invidiare alla manipolazione fatta da Himmler o da Hitler. Li manipola trasformandone la coscienza, cioè nel modo peggiore, istituendo dei nuovi valori che sono dei valori alienanti e falsi, i valori del consumo, che compiono quello che Marx chiama un genocidio delle culture viventi, reali, precedenti. Sono caduti dei valori, e sono stati sostituiti con altri valori. Sono caduti dei modelli di comportamento e sono stati sostituiti da altri modelli di comportamento. Questa sostituzione non è stata voluta dalla gente, dal basso, ma sono stati imposti dal nuovo potere consumistico, cioè la nostra industria italiana pluri-nazionale e anche quella nazionale degli industrialotti, voleva che gli italiani consumassero in un certo modo, un certo tipo di merce, e per consumarlo dovevano realizzare un nuovo modello umano. (Pier Paolo Pasolini)

    RispondiElimina
  3. Italia 1992: un giornalista, diventato famoso per aver scoperto i mandanti di un clamoroso delitto politico, caduto in disgrazia, per salvarsi e guadagnare 800.000 $, deve estorcere un segreto ad un ideologo dell’opposizione, finito in carcere per reati fiscali ( Leonardo Facco?)
    Ma la missione gli riserverà molte sorprese.. Bisogna a questo punto che spieghi l’intera vicenda del caso Pannella. Il 5 dicembre 1989 Marco Pannella era stato sequestrato a Torino, vicino alla sede del Partito Radicale, in via San Tommaso, dove si stava recando a piedi da un vicino ristorante. Quattro sconosciuti l’avevano preso e costretto a salire su un’auto. Ci furono rivendicazioni da parte di diversi gruppuscoli (tra cui le Nuove Brigate Rosse), ma nessuna sembrava credibile. Di lui non ci furono più notizie. Lo stile del delitto faceva pensare alla mafia, e le sinistre diedero subito credito ad un complotto del crimine organizzato con ambienti della destra reazionaria. Chi nella realtà potesse impersonare questi famosi ambienti non si è mai saputo con precisione. Tutti comunque ci immaginavamo congiure di piccoli industriali (piccoli perché i grandi erano erano generalmente legati al governo, “rinnovatore e progressista“ per definizione, che ricambiava con tante sovvenzioni e leggine compiacenti) con biechi ufficiali fascistoidi e agenti dei sevizi segreti in impermeabile. Naturalmente noi giornalisti allineati al governo, cioé quasi tutti, dammo ampio credito alla voce, parte perché ci credevamo e parte perché sapevamo di sostenere un ‘ipotesi comoda. Io, che tra i colleghi avevo la fama di usufruire di chissà quali informatori, mi potevo permettere di formulare ardite ipotesi, cosi’ ricche di particolari da non sembrare più ipotesi. ” Mettendo insieme le tessere del mosaico- scrivevo- che ci arrivano da voci incontrollate trapelate da ambienti vicini al Viminale, il rapimento del sottosegretario per gli aiuti al Terzo Mondo sarebbe stato deciso da una casa patrizia alla periferia di Roma, verso metà novembre, in un incontro in cui avrebbero partecipato industriali rampanti e ufficiali con ambizioni di junta alla sudamericana. Si dice anche che all’esclusiva serata fossero presenti alcuni agenti (forse ex agenti) dei servizi segreti…” Naturalmente era tutto inventato, ma, come ho detto era una storia che piaceva a chi contava e pur non essendoci un solo indizio concreto che lo avvalorasse la si dava ormai per vera.. Questo mi procuro’ una certa celebrità: il mio quotidiano passo’ i miei pezzi, relegati generalmente nella pagine interne di cronaca, in prima; un settimanale di alta tiratura mi offri’ cento milioni per “ulteriori particolari” sulla vicenda. Io accettai e mi inventai che si era “ormai prossimi al ritrovamento del corpo di Marco Pannella”. Mi misi cosi’ alla ricerca di un qualsiasi rinvenimento di cadavere che potesse darmi ulteriore slancio per sfruttare quella cuccagna, Trovai la notizia che faceva al caso mio: in una discarica abusiva presso Tortona, il 28 dicembre era venuto alla luce durante l’opera di un bulldozer un cadavere in avanzato stato di decomposizione. “Forse ritrovato il corpo di Pannella ” scrisse il mio giornale a tutta pagina.. Tuttavia, nonostante lo scempio fatto dal cingolato, in breve tempo si arrivo’ ad accertare che quello non era il corpo del leader radicale, ma, si presumeva, quello di un balordo sui trent’anni scomparso da alcune settimane. Stavo già mettendo a punto l’ipotesi di un depistamento, cercando di attribuire a chi conduceva le indagini la falsa identificazione (che invece era solo una mia idea), quando- era il 3 gennaio 1990- ricevetti una telefonata con la quale mi si invitava a recarmi in un ufficio della Sicurezza di Torino. Ci andai subito, ma temevo che volessere spiegazioni sulla fonte delle mie notizie. Trovai ad aspettarmi il commissario Iomma, col quale avevo avuto diverse volte a che fare, quando lui faceva trapelare per mio tramite le notizie che gli interessava andassero in giro. Di qui la mia fama di ben informato.

    RispondiElimina
  4. Una via d’uscita – giugno 1992- l’Italia è ancora un paese democratico? – un romanzo di fantapolitica dove il futuro segue il presente con inquietante logicità / Lucio Malan
    Agorà, 1987
    Saggio Monografico

    RispondiElimina